Auto ibride plug-in: Audi scende in campo con tutta la sua qualità

Auto-ibride-plug-in-Audi-scende-in-campo-con-tutta-la-sua-qualità

Ami l’innovazione e un sostenitore delle proposte ecologiche e stai cercando un’opzione in grado di convogliare entrambe le cose? Allora la soluzione – in termini di trasporto – potrebbe incarnarsi nelle auto ibride plug in. Se hai poche informazioni a riguardo e vuoi addentrarti nell’argomento, questo articolo risponderà a tutti i tuoi interrogativi.

Cosa sono le auto ibride plug-in

Le vetture ibride plug-in possono essere considerate la sintesi perfetta tra tradizione e progresso. Infatti, ancor di più di una full hybrid, la tecnologia plug-in giace a metà tra le automobili classiche e quelle totalmente elettriche. Ed è qui che ingenuamente ti chiederai: “in che senso?” Semplice, un’auto di questa tipologia dispone di un motore termico a benzina/gasolio con, in aggiunta, un paio di unità elettriche alimentate, come si potrebbe immaginare, da batterie agli ioni di litio.

Questo particolare tipo di connubio dà la possibilità al suo fruitore di sfruttare in autonomia, per almeno una quarantina di km, il solo motore elettrico.

La differenza principale che intercorre tra le auto full hybrid e le ibride plug-in è legata alla capacità delle batterie che, nel secondo caso, è maggiore. Inoltre, esiste la possibilità di ricaricarle tramite la spina tradizionale – attraverso la rete elettrica domestica o pubblica – e non esclusivamente con il recupero di energia di rilascio; una caratteristica limitante appannaggio delle vetture full hybrid.

Insomma, scegliere un’auto ibrida plug-in potrebbe considerarsi il compromesso più praticabile per coloro i quali vorrebbero apportare un cambiamento alla propria vita, senza rinunciare del tutto alle sicurezze del passato.

I vantaggi delle auto ibride plug-in

Se dovessimo incentrare la nostra attenzione nel catalogare tutti i vantaggi che un’auto ibrida plug-in è in grado di offrirci, la lista sarebbe piuttosto intuitiva:

  • in primis, come abbiamo accennato, si può godere dell’opportunità di viaggiare in modalità full electric per un tratto considerevole di strada. In questo caso, è superfluo sottolineare che la conseguenza più appetibile che ne deriva dipende dal fatto che lo si farà a zero emissioni;
  • grazie alla combinazione del motore tradizionale a combustione, con il propulsore elettrico, ti solleverai dalla premura di dover ricaricare in condizioni di emergenza. Considerata anche la scarsa diffusione, lungo la strada, di colonnine di rifornimento apposite;
  • riduzione di emissione di CO2 e possibilità di rientrare nei requisiti richiesti per poter usufruire dell’Ecobonus statale;
  • sul fronte potenza, le auto ibride plug-in sono decisamente più performanti, grazie all’apporto sincronizzato del doppio motore.

La proposta di Audi nei suoi modelli plug-in

La risposta di Audi, in merito alla tecnologia plug-in, arriva tutt’altro che silente. I modelli che offre, concepiti per mantenere inalterato il proposito di rispettare l’ecosistema, riescono a garantire delle straordinarie performance.

In perfetto accordo con le dinamiche sopracitate, sul funzionamento delle auto ibride plug-in, Audi lancia sul mercato sei modelli atti a far confluire le prestazioni del motore tradizionale a combustione con quelle di un propulsore elettrico. In più, anche in questo caso, viene garantita la percorrenza – per oltre 40 km – in modalità completamente elettrica.

In tutti i modelli che Audi propone, si sfrutta la potenza del lavoro combinato tra il motore a turbocompressione e quello elettrico. Il plus, in questo caso, si manifesta nella garanzia di poter recuperare energia in frenata, soprannominata “elettro-idraulica rigenerativa”. In questo modo l’uso ottimale delle risorse è una certezza a cui poter fare affidamento.

In ambito connettività, Audi offre una digitalizzazione di ultima generazione, i cui servizi “connect Remote & Control” sono inclusi per tre anni dall’acquisto. A seguire, l’app myAudi attraverso la quale si avrà l’occasione di poter monitorare – dal proprio smartphone – lo stato della propria batteria, inclusa la programmazione della ricarica stessa.

Pronto a vivere un’esperienza nuova ed esaltante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *