hamburger 3

L’hamburger fatto in casa, come quello del pub

Uno dei piatti più gustosi e popolari, soprattutto tra i più giovani, è senza dubbio l’hamburger. Questo delizioso preparato a base di carne bovina rappresenta una scelta trasversale, in grado di soddisfare i gusti anche dei palati più esigenti.

Sono diverse infatti le varianti che possiamo trovare in pub, ristoranti, bracerie, così come innumerevoli sono le possibili varianti da preparare in casa. L’unico limite è la fantasia dello chef, alle prese con i gusti più disparati dei commensali.

A partire dal classico panino rotondo, composto da un hamburger di macinato magro al quale si sovrappone lattuga, pomodoro, cheddar e salse. È possibile creare varianti con altri tipi di carne o addirittura anche per chi segue la dieta vegana. I segreti per portare in tavola un hamburger degno di questo nome tuttavia sono pochi, ma irrinunciabili.

Bisogna prestare attenzione alla qualità delle materie prime innanzi tutto, e non sottovalutare la scelta del pane. Particolare attenzione inoltre andrà posta ai tempi di cottura della carne. Vediamo insieme quindi come preparare un gustoso hamburger fatto in casa.

Le materie prime

Aspetto di fondamentale importanza e da non sottovalutare mai in cucina è la scelta delle materie prime. È un’operazione da curare maniacalmente se vogliamo preparare un gustoso panino dal sapore ricercato. Il cuore dell’hamburger è la polpetta di carne schiacciata che addentiamo voracemente insieme agli altri ingredienti.

Per un ottimo prodotto realizzato in casa quindi, non possiamo esimerci dal reperire la carne più gustosa e sana in circolazione. Possiamo farci consigliare dal macellaio di fiducia, o chiedere al banco carne del supermercato del macinato di bovino magro. La grana della macinatura gioca a tal proposito un ruolo molto importante: se molto piccola, otterremo una polpetta più compatta e consistente. Se la faremo macinare più grossa, la carne tenderà ad essere meno compatta, ma ci permetterà di azzardare la cottura al sangue. Se vogliamo aggiungere del bacon, facciamoci consigliare al banco: la normale pancetta non è ideale per questo utilizzo.

L’altra componente fondamentale è rappresentata dalle verdure: lattuga, cipolla, pomodoro, così come qualsiasi altro vegetale decidiamo di inserire nel panino, deve essere fresco e di prima scelta. Un piccolo segreto consiste nel lavare e inserire questi elementi nel panino all’ultimo momento, così da conservare tutta la loro freschezza.

Come accennavamo prima, particolare importanza va data al pane: ne esistono tante varianti dedicate agli hamburger, molte delle quali risultano davvero valide. La scelta in questo caso va operata in base a due fattori: gusto personale e dimensioni della fetta. Via libera quindi a varianti con sesamo o altri semini, ma il consiglio fondamentale è quello di provare diverse varianti prima di arrivare a scegliere il pane preferito, tra le tante opzioni che il supermercato ci offre.

Per le salse, anche qui ognuno andrà a scegliere in base al proprio gusto, ma per i più arditi c’è sempre la possibilità di crearne autonomamente in casa. I più esperti potranno anche preparare dell’ottima maionese, a patto di selezionare accuratamente le uova per non rischiare nulla. Se vogliamo stupire gli ospiti con una gusto esotico, non sarà difficile preparare anche all’ultimo momento una buonissima salsa greca.

La cottura

Se è vero che non è sempre semplice accontentare i gusti di tutti, soprattutto in merito alla cottura della carne, è anche vero che l’hamburger di norma andrebbe ben cotto. Gli amanti della carne al sangue potranno fare una piccola eccezione a partire da tagli di carne e macinature più idonee. In ogni caso, il segreto per cuocere alla perfezione la carne che andrà nel panino, consiste nel girarla spesso sulla piastra, evitando temperature troppo elevate. Questo ci permetterà di riscaldare uniformemente la carne, evitando al contempo bruciature. Attenzione anche a non schiacciare troppo la polpetta, per non far perdere i liquidi che la rendono succosa e morbida.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.